Archivi tag: giovani

Trin-i-Tee 5:7 – Holla

I tre membri di Trin-I-Tee 5:7, Chanelle Haynes, Angela Taylor e Adrian Anderson hanno usato il loro successo incredibile per diventare modelli di comportamento cristiano per i giovani e così hanno anche trovato il modo pratico per servire Gesù. Chanelle spiega, “Dio ci ha riempito di benedizioni tanto che sentiamo un bisogno irresistibile di donare quello che abbiamo ricevuto. Vogliamo lasciare in eredità non solo la nostra musica e il ministero, ma di essere state tre cristiane che hanno a cuore le persone e le loro vita “.

http://bologna.annuncia.it/Annunci-gratuiti/3-Musica/Musicisti/54179/Carla-Rivi-e-Dj-Mr-Fox-musica-cristiana-live-e-gospel-house.html

Lascia un commento

Archiviato in musica, musica cristiana, spettacolo

Come to Jesus – Chris Rice

 

Chris Rice cantante cristiano ,è cresciuto nel Maryland, con i suoi tre fratelli e genitori, che erano proprietari di una libreria cristiana. La vera passione di Chris Rice nella vita è il contatto con gli studenti e giovani per aiutarli attraverso il rapporto che Cristo vuole per avere con loro.  La sua musica è un mezzo per aiutarlo a fare questo. Bless In The Name Of Jesus
http://bologna.annuncia.it/Annunci-gratuiti/3-Musica/Musicisti/54179/Carla-Rivi-e-Dj-Mr-Fox-musica-cristiana-live-e-gospel-house.html

Lascia un commento

Archiviato in musica, musica cristiana, spettacolo

Uzbekistan: i cristiani sono il male! – dossier

Uzbekistan -tv

Uzbekistan -tv

fonte articolo www.porteaperteitalia.org

Come stanno i cristiani in Uzbekistan? Sotto pressione, in costante tensione, derisi e offesi in diretta nazionale nel primo canale televisivo del paese, messi all’angolo come stolti creduloni, massa di ignoranti, un pericolo per la nazione intera. Dal 17 maggio del 2008 i programmi televisivi esplicitamente contro i cristiani si sono ripetuti con una certa costanza nella TV uzbeka. “Nella morsa dell’ignoranza” è forse il più famoso, 90 minuti di attacchi contro i cristiani protestanti e i missionari in terra uzbeka.In tutto il paese (in cui, lo ricordiamo, l’88% degli abitanti è musulmano), gli impiegati pubblici, gli ufficiali e gli studenti sono stati invitati a guardare con attenzione il programma anticristiano. Anche a tutti i poliziotti è stato chiesto di vederlo, dato che la Polizia attualmente coopera nella realizzazione di questi documentari fornendo i video dei raid contro le riunioni cristiane. 26 pastori hanno inviato una lettera aperta al Presidente per bloccare questa campagna diffamatoria, lettera che è stata consegnata anche ai media, alle agenzie di stampa e ai gruppi per la difesa dei diritti umani. La campagna, però, continua e dopo questa lettera è addirittura peggiorata: ora i programmi sono quotidiani, vengono prodotti e distribuiti in DVD e mostrati negli orari in cui l’audience è maggiore persino in canali sportivi.

Le principali accuse e diffamazioni del maggiore di questi programmi (Nella morsa dell’ignoranza) sono:

1) I cristiani sono contro l’Islam. Baxtiyor Bobojonov dell’Istituto Al-Beruni di Studi Orientali dell’Accademia di Scienze Uzbeka ha dichiarato nel programma: “Nei documenti dei missionari cristiani ci sono molte cose contro la nostra religione e i nostri profeti”.
2) I cristiani non sono cittadini affidabili. I cittadini uzbeki che si convertono al Cristianesimo e quindi tradiscono l’Islam, poi tradiscono anche la loro nazione.
3) I leader cristiani perseguono solo i loro interessi personali. Golomov, uno psichiatra intervistato nel programma, afferma con disinvoltura che “i pastori protestanti perseguono soprattutto i loro interessi materiali”, mentre in sottofondo scorrono immagini di culti durante il momento dell’offerta. Un altro psichiatra, Azimov, poi accusa pastori di varie chiese di avere dei “profili criminali”, mostrando immagini scelte e montate ad hoc per gettare cattiva luce contro queste persone.
4) I nostri giovani subiscono dai cristiani un lavaggio del cervello. I “mahalla”, enti locali preposti come “occhi e orecchi” dello stato (eredità dell’impero sovietico) sostengono che i cristiani adottano strategie di lavaggio del cervello nei confronti dei giovani uzbeki.
5) I missionari cristiani sono pericolosi quanto i terroristi. L’attività missionaria viene dipinta come uno dei grandi mali del mondo, alla stessa stregua del fondamentalismo, del terrorismo e della tossicodipendenza.
6) I musulmani che tradiscono l’Islam per il Cristianesimo, lo fanno per soldi. Il programma fa scorrere interviste palesemente false a persone che hanno ricevuto soldi da gente che ha detto loro che il Corano è una menzogna.
7) I Battisti sono una setta. Interviste a esponenti della chiesa ortodossa russa dichiarano che questa confessione evangelica è una setta pericolosa.
8) Esiste un piano preciso per convertire l’intera nazione al Cristianesimo.
9) La droga in questo piano ha un suo preciso ruolo.
10) I protestanti sono una setta collegata ai satanisti e ai Krishna.
11) Le persone che semplicemente accettano dei libri dai cristiani diventano come zombie.
12) I bambini sono il nostro futuro! Declama con forza il conduttore del programma, raccomandando ai genitori uzbeki di fare attenzione, di non far frequentare cristiani ai loro bambini.
13) I cristiani che abbandonano la loro fede, parlano contro Cristo. Intervista a una donna che sostiene di essere stata cristiana e, una volta deciso di abbandonare la chiesa, di essere stata minacciata dal pastore.

Secondo quanto dicono coloro che vivono questa forma di persecuzione, il governo appoggia tutto questo e opprime ogni forma di libertà di pensiero perché teme un risveglio politico della popolazione e la crescita del malcontento sociale. Di fatto il governo monitora e controlla ogni attività religiosa (islamica o cristiana che sia), perché vede nella religione un pericolo per la propria stabilità. L’articolo 5 della legge sulla religione uzbeka dichiara che ogni forma di proselitismo e di attività missionarie è proibita.

Le conseguenze di questa subdola campagna mediatica sono notevoli: molti credenti sono intimoriti e vessati, i leader cristiani ricevono minacce e irruzioni da parte della polizia anche durante i culti, mentre il clima generale è estremamente oppressivo e in costante peggioramento.   

http://bologna.annuncia.it/Annunci-gratuiti/3-Musica/Musicisti/54179/Carla-Rivi-e-Dj-Mr-Fox-musica-cristiana-live-e-gospel-house.html

Lascia un commento

Archiviato in Cronaca dal mondo, cultura

Toby Mac f.Mandisa – Lose My Soul- Video

Toby McKeehan, o tobyMac, come egli è conosciuto professionalmente, è cresciuto nel nord della Virginia periferia all’ombra di Washington, DC, dove si innamora di rap e hip hop,l’incontro con il Signore e la musica rap hip hop assume un messaggio cristiano, potente anche per i più giovani con le parole del Vangelo inserite nei testi delle sue canzoni. Bless in the name of Jeus

1 Commento

Archiviato in musica, musica cristiana, spettacolo

La Musica Hip-Hop Rap fa avvicinare i giovani a Dio!!!

kurtis-blow-the-breaks

kurtis-blow-the-breaks

 

Anche il rap può essere uno strumento per far conoscere la parola di Dio.

Il 7 gennaio 2003 vari giornali riportano questo pensiero di Kurtis Blow, uno dei grandi esponenti della cultura hip hop fin dal 1979 quando il suo The breaks ha fatto il giro del mondo.

L’artista è tra i fondatori di “The hip-hop church”, un progetto che intende utilizzare la musica hip hop per togliere i giovani delle periferie nere dai rischi della strada e portarli all’impegno nelle comunità religiose. «Dobbiamo far capire ai giovani la grandezza del disegno di Dio. Per far questo occorre rendere più immediata e comprensibile la Sua parola utilizzando linguaggi che loro capiscono. Il rap è uno di questi», ha dichiarato Blow.

La “hip hop church”, oltre a lui, schiera una band, un coro e alcuni break dancer e agisce nelle chiese producendosi in rime d’argomento religioso su ritmiche hip hop fornite da un dj posto sotto l’altare. L’idea sta ottenendo consensi e le prime ad accoglierla con entusiasmo sono state due parrocchie di Harlem a New York: la Abyssinian Baptist Church sulla 138a strada e la Zion Church sulla 146ma.

 
Fonte: www.rockemartello.com
 

1 Commento

Archiviato in musica, spettacolo

Matt Redman – Here Is Love

Matt Redman è considerato uno dei “migliori” musicisti cristiani del mondo,ha una chiamata molto importante per i giovani che ascoltando la sua musica riescono ad incontrare il Signore.

Il pensiero di Matt Redman è : Diffondere il Vangelo di Cristo vuol dire divulgare una notizia che non ha e non avrà mai precedenti, completamente diversa da tutte le altre. Dove nel mondo ci sono tenebre, Gesù porta la luce; dove c’è la depressione, Gesù offre la pace, dove c’è disperazione, Gesù offre speranza”.  Bless carla rivi e dj mr.fox

1 Commento

Archiviato in musica